aprire una società a duai

Aprire una società a Dubai: perché conviene e vademecum

L’Emirato di Dubai è diventato uno dei nuovi poli economici del mondo, diversi sono i settori in crescita che stanno producendo giri d’affari davvero considerevoli: Real Estate, turismo e nuove tecnologie sono solo alcuni dei principali driver che hanno permesso la nascita di questa situazione. Il primo effetto è che gli investitori internazionali sono sempre più interessati a investire i loro capitali e ad aprire attività o filiali nell’Emirato.

In questo articolo spiegherò cosa significa aprire una società a Dubai e come procedere per farlo nel migliore dei modi.

Perché è conveniente aprire una società a Dubai

Aprire una società a Dubai ha diversi vantaggi. Il primo, quello che conosciamo tutti, è che a Dubai non esiste tassazione sui redditi societari o personali, così come sulle rendite immobiliari. Non solo, anche il costo del lavoro è estremamente conveniente perché è assente la tassazione sui dipendenti, ciò significa che la cifra percepita in stipendio non ha ulteriori sovraccarichi, il che è un vantaggio sia per il datore di lavoro che per il lavoratore stesso. Per ultimo, ma non meno rilevante, non è prevista l’IVA in nessuna forma.

Limitare però gli aspetti positivi all’ambito fiscale sarebbe un errore. Aprire una società a Dubai ha molti altri benefici per gli investitori stranieri, vediamo i principali:

Posizione startegica

Dubai si trova esattamente nel punto d’incontro tra i mercati occidentali e quelli orientali. L’aeroporto di Dubai collega in un raggio di 8 ore di volo miliardi di persone: grazie a praticamente tutte le compagnie di volo del mondo, i voli giornalieri sono diretti verso numerosissime destinazioni.

Costo del lavoro

Il costo della manodopera è molto basso, aprire una società a Dubai o delocalizzare la propria azienda assicura una spesa di gran lunga inferiore a quella cui siamo abituati per il lavoro dipendente.

Crescita del Medioriente

Non solo Dubai, ma tutti gli Emirati degli UEA stanno vivendo un periodo florido e di forte crescita che ha sviluppato un sistema economico solido e in espansione, le opportunità per investitori e imprenditori quindi si moltiplicano.

Aprire una società a Dubai: Mainland Vs Freezones

Più volte nel mio blog ho spiegato come la politica del Governo Dubaino e la visione dello Sceicco Bin Rashid Al Maktoum siano completamente business oriented e aprano le braccia agli investitori stranieri. Già nel 1985, con la nascita delle Freezones, è stato segnato un importante passo in direzione degli incentivi agli imprenditori stranieri che vogliono aprire una società a Dubai. Le Freezones sono dei porti franchi costituiti appositamente per agevolare nel migliore dei modi l’apertura o la delocalizzazione di società straniere. Differiscono dalle Mainland, ovvero le altre zone di Dubai, per numerosi aspetti.

Analizziamo velocemente qual’è la differenza tra aprire una società in una Freezones piuttosto che in una Mainland:

Mainland

Per aprire una società in una Mainland è necessario avere un socio locale, quote e modalità differiscono a seconda del tipo di società che si vuole costituire e la sua finalità. Se da una parte può sembrare poco conveniente per ovvi motivi, dall’altra un aspetto positivo è che il socio emiratino potrebbe avere informazioni, network e conoscenze utili per lo sviluppo del business dell’azienda.

Freezones

Costiturie una società in una Freezones ha davvero tanti vantaggi per gli investitori e gli imprenditori stranieri, d’altronde sono state create per questo:

  • Costi d’apertura contenuti
  • Possibilità di possedere 100% della società
  • Burocrazia semplificata
  • Possibilità di rimpatrio dei capitali investiti senza tassazione
  • Possibilità di richiedere un Visa Resident (permesso di soggiorno per residenti)

Va detto che le diverse Freezones sono adibite allo sviluppo di tipologie di business differenti.

Aprire una società a Dubai: vademecum

Passiamo ora alla pratica senza giri di parole e vediamo in linea generale qual’è la procedura da seguire per aprire una società in una Freezones di Dubai, ovvero l’opzione più scelta dagli investitori e imprenditori esteri.

  • Presentare la domanda d’apertura indicando il nome della società al Ministero dello Sviluppo Economico (DED) per l’approvazione preliminare. E’ necessario specificare: nomi dei soci, tipologia d’attività, nome commerciale dell’attività.Questo processo solitamente viene espletato in un giorno.
  • Tramite un avvocato bisogna richiedere tale approvazione preliminare da un notaio di Dubai.
  • Depositare il capitale sociale in una banca, dopodichè sarà possibile acquisire una licenza di commercio e il certificato di registrazione commerciale.
  • Rivolgersi a un commercialista per la regolarizzazione della parte fiscale e la stesura del certificato da presentare al DED.
  • Inviare i seguenti documenti al Registro di commercio: modulo di domanda, atto costitutivo, certificazione del commercialista, lettera di approvazione preliminare e lettera del Comitato DED delle società di capitali.
  • Pagare la tassa per il rilascio della licenza commerciale, in genere è compresa tra i 10.000 e i 15.000 AED.
  • Presentare la domanda di licenza commerciale e il modulo per il nome della società, sia in arabo che in inglese, alla Camera di Commercio di Dubai per ottenere la documentazione e i visti necessari per l’apertura dell’azienda.

Tutti i passaggi che ho elencato possono essere svolti in pochi giorni di tempo con l’assistenza di consulenti validi. Ricordo sempre che è fondamentale affidarsi a professionisti in grado di trovare le migliori soluzioni per i tuoi investimenti.

Abbiamo visto che aprire una società a Dubai è molto conveniente e veloce, anche per questo il settore del Real Estate dell’Emirato sta segnando ogni anno performance davvero impressionanti, che continueranno a migliorare fino al 2020, anno del World Expo.