moneta-a-dubai

Moneta a Dubai: tutto quello che devi sapere

Moneta a Dubai, ecco una pratica guida: storia del dirham, informazioni utili per il cambio e il pagamento con carta di credito.

Che si arrivi nell’Emirato per turismo, business o per viverci, quel che è certo è che sarà necessario conoscere alla perfezione il funzionamento della moneta a Dubai: il dirham. Valuta ufficiale degli Emirati Arabi Uniti. Niente paura: una delle più grandi, straordinarie, moderne e cosmopolite metropoli al Mondo non può che offrire un’ampissima scelta per quanto riguarda le strutture dove procedere al cambio, che con l’euro è peraltro piuttosto favorevole. Inoltre, praticamente dappertutto è possibile pagare comodamente con le carte di credito, salvo rare eccezioni che non costituiranno comunque un particolare problema. Ad ogni modo, affiancare l’utilizzo della carta di credito a quello di una carta prepagata può rivelarsi la soluzione ideale per chi si trova nell’Emirato.

UN PO’ DI STORIA

Il dirham degli Emirati Arabi AED in breve (altre abbreviazioni non ufficiali sono DH o Dhs) fu introdotto nel 1973 in sostituzione al riyal di Qatar e Dubai, valuta in circolo in tutti gli emirati dal 1966 ad eccezione di Abu Dhabi. Ancora prima, gli emirati usavano la rupia del Golfo. Il nome dirham deriva dalla parola greca Drachmae, il cui significato originario è “utile”.

Tale valuta dispone di tagli di banconote da 5, 10, 20, 50, 100, 200, 500 e 1000 dirham. Ogni dirham è diviso in 100 fils. A loro volta le monete sono suddivise in 1, 5, 10, 25, 50 fils più quella da 1 dirham. Le monete da 1, 5 e 10 fils sono però pressoché inutilizzate e dunque rarissime da trovare in circolazione. Inoltre bisognerà prestare attenzione a non confondere la vecchia moneta da 50 fils con quella attuale da 1 dirham, entrambe infatti hanno lo stesso peso e le stesse misure.

IL CAMBIO CON L’EURO

Come regolarsi, dunque, con il cambio della moneta a Dubai? Il dirham è strettamente connesso al dollaro americano, il suo valore dipende infatti da quello della valuta statunitense. Attualmente il cambio fissato è di 1 U.S.$ = 3,6725 dirham (1 dirham = 0,272294 dollaro). L’equazione per i cittadini dell’eurozona è piuttosto semplice da fare, oltre che vantaggiosa. 1 euro equivale circa 4 dirham.

DOVE EFFETTUARE IL CAMBIO

Dubai icona per lusso e business e centro finanziario mondiale è inevitabilmente dotata, come pochissimi altri luoghi al mondo, di strutture predisposte al cambio. Non tutte, naturalmente, totalmente conformi o particolarmente convenienti.

Banche e uffici appositamente dedicati sono largamente diffusi in città, inoltre considerato l’enorme numero di turisti presenti, questi sono sempre dotati di una disponibilità di contante di gran lunga superiore rispetto alle strutture equivalenti in Italia o in Europa. Per regolarsi sulla scelta del luogo più consono per effettuare il cambio valuta a Dubai, una raccomandazione è d’obbligo: evitare il più possibile l’aeroporto. Qui infatti  i tassi saranno di gran lunga i peggiori sul mercato. Perciò appena arrivati è consigliabile cambiare una minima quantità di denaro, utile a pagare magari il taxi (la maggior parte dei tassisti accetta solo dirham) e altri beni di primissima necessità. Possibile, ma ancora poco vantaggioso, anche il cambio in hotel. Infine, tutte le banche offrono il cambio valuta, ma naturalmente il servizio comporta l’applicazione di spese di commissione. Valutare il tasso di cambio effettivo al netto delle spese aggiuntive è d’obbligo. La soluzione migliore dunque restano gli uffici di cambio, aperti già dalle 8 del mattino, chiudono a tarda sera ed offrono quasi sempre una moltitudine di servizi addizionali come: trasferimento di denaro e ricariche telefoniche.

 LE CARTE DI CREDITO

Premesso che frequentemente sarà comunque possibile pagare in contanti utilizzando euro o dollari, si otterrà quasi sempre il resto in valuta locale: va da sé che spesso, così facendo, l’esercente applica una commissione forfettaria e quasi certamente poco vantaggiosa per l’acquirente. Per chi ama spostarsi con pochi contanti in tasca, la soluzione è costituita dalle carte di credito dei principali circuiti internazionali, accettate ovunque. Visa e Mastercard, ma anche American Express e Diners seppure queste ultime – avendo commissioni più esose per gli esercenti – potrebbero esser ristrette più a centri commerciali, ristoranti e hotel di prima fascia. Senza contare che, per spostarsi, qualora si opti per l’automobile la carta di credito a garanzia del noleggio è obbligatoria.

Per gli acquisti in valuta diversa da quella ufficiale, la carta applica un tasso di cambio aggiornato a livello giornaliero, seppure leggermente peggiorativo rispetto a quello ufficiale e con commissioni  variabili a seconda dell’istituto bancario di riferimento.

MONETA A DUBAI: RIASSUMENDO, NON DIMENTICARE CHE…

La moneta a Dubai è il Dirham, 1 euro equivale a circa 4 dirham. La città è dotata di un’infinità di strutture dedicate al cambio della valuta, ma in aeroporto e in hotel vengono applicati tassi spesso assai meno vantaggiosi rispetto a banche e in particolare uffici di cambio, specie in centro città. Cambiare una quantità di denaro esigua può rivelarsi ideale, le carte di credito sono infatti accettate ovunque anzi spesso obbligatorie per la richiesta di alcuni servizi. La soluzione migliore è affiancare, all’uso della carta di credito quello di una prepagata, magari con basso tasso o commissioni di cambio ridotte per eventuali prelievi di contante.